Palalido di Milano

Il prestigioso appalto per la ricostruzione ed ampliamento del Palalido di Milano ci è stato affidato dall’impresa appaltante dopo che il progetto originale aveva già previsto strutture gettate in opera.

In fase realizzativa si è ritenuto che la soluzione originariamente prevista avrebbe creato disturbo e disagi alle abitazioni vicine per le tipologie di lavoro in cantiere e per i tempi che sarebbero stati sicuramente maggiori rispetto alla soluzione di strutture prefabbricate. L’ottima qualità superficiale dei manufatti prefabbricati in stabilimento è stato un ulteriore elemento decisivo per cambiare sistema costruttivo ed affidare il lavoro ad una azienda altamente specializzata come la Isocell Precompressi s.p.a. che aveva già realizzato altre strutture sportive importanti.

Per fruire di questi vantaggi dati dalla prefabbricazione è stato richiesto un grande lavoro tecnico per trasformare in prefabbricato ciò che era stato previsto in opera. L’ufficio tecnico della Isocell Precompressi s.p.a. ha dovuto infatti impegnare tutte le risorse che sono state necessarie alla progettazione culminata in oltre quattrocento tavole grafiche che illustrano nel dettaglio i più di 2500 pezzi che compongono la struttura.

Tra questi elementi segnaliamo la particolarità dei pilastri di coronamento che, nella loro parte superiore dove appoggia la copertura, aggettano per ben 180 cm oltre il filo della costruzione. Oltre a porre particolare cura alla loro progettazione per contenere le deformazioni della copertura da essi portata, si è dovuto anche predisporre e attrezzare un apposito reparto di produzione con specifiche attrezzature e casseri.

Così come i pilastri, anche le 114 travi porta gradoni, i 465 gradoni, i 76 corselli e i 14 gruppi scala tutti realizzati in prefabbricato. L’edificio ospiterà circa 5100 spettatori suddivisi in 2 anelli, il primo dei quali partirà a soli pochi centimetri dal campo e terminerà al solaio di smistamento mentre il secondo anello, a cui si accede dal solaio citato, arriverà a quasi dieci metri di altezza.